Emergenza Covid-19 e l’attività di Compro Oro


Compro oro aperti o chiusi per emergenza Covid-19?

A seguito dell’emanazione del DPCM dell’ 11 marzo 2020, recante ulteriori misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 sull’intero territorio nazionale, sono da intendersi sospese tutte le attività di Compro Oro.

Sebbene il DPCM parli di attività al dettaglio, e molto Compro Oro riportano sulla propria licenza, o anche in camera di commercio, l’attività all’ingrosso,  è doveroso porre l’attenzione proprio su queste differenze per non incorrere in sanzioni.

L’attività di compor oro, intesa come acquisto di rottami da privati, è una attività al dettaglio ed essendo esclusa da quelle ritenute essenziali dal DPCM, NON E’ POSSIBILE SVOLGERLA.

E’ da considerarsi attività all’ingrosso, per esempio, la vendita dei rottami acquistati prima del DPCM da privati e destinati alla vostra fonderia di fiducia. Solo In questo caso, l’attività è da considerarsi all’ingrosso in quanto è B to B e quindi esclusa dalle limitazioni del DPCM. Infatti la consegna del metallo prezioso alla vostra fonderia di fiducia che provvederà anche all’acquisto dei rottami conferiti dal compro oro, va considerata come attività lavorativa necessaria essendo da questa dipendente il reddito del titolare del Compro Oro.

Ovviamente, il miglior consiglio è sempre quello di usare il buon senso. Se si possono evitare azioni o comportamenti che possano mettere a rischio la vostra salute e quella degli altri, è meglio restare a casa, così da rendere il periodo di uscita da queste restrizioni il più breve possibile.

Noi della Symia SRL teniamo in costante aggiornamento tutti i nostri fornitori cercando di dare il massimo supporto possibile in questa difficile  fase che tutti stiamo vivendo.